5 Gennaio 2022

Chi controlla il controllore?

“solo il 6% dei contenuti di odio in lingua araba – la terza più usata su Facebook – è stato rilevato su Instagram. In tutto il

Le ultime Notizie

“solo il 6% dei contenuti di odio in lingua araba – la terza più usata su Facebook – è stato rilevato su Instagram. In tutto il
L’odio non è di classe E dopo tantissima attesa, finalmente, a ottobre, sono riuscito ad attivare un workshop sull’hate speech in 5 classi di
Cosa sono Facebook Papers e come ne uscirà l’impero di Zuckerberg? I ‘Facebook Papers’ sono costituiti da 10mila pagine di rapporti, analisi e documenti
Discriminare senza confini “Momo” Muhammed Jammeh è un ragazzo di 20 anni di origini gambiane. L’ho contattato per un’intervista perché avendolo conosciuto presso la comunità
IL POTERE DELLO STORYTELLING: L’ESEMPIO DELLE DONNE AFGHANE, VITTIME O SOPRAVVISSUTE? Una delle linee d’azione intraprese dal progetto #HateTrackers fin dall’anno scorso è stata
A Day Off Twitch, il primo sciopero degli streamer contro l’odio online   Il 1° settembre abbiamo assistito ad un evento molto importante: un
DEL COMPRENDERE, CAPIRE, TACERE. Seid Visin non ha ancora 21 anni quando si suicida impiccandosi. Nato in Etiopia, all’età di 7 anni viene dato
Quando una buona conversazione alimenta interrogativi e la voglia di approfondire Intervistando Giovanni,  portiere di quartiere di Vallemiano per l’associazione Casa delle Culture di
Buone prassi Con il progetto Hatetrackers vogliamo approfondire gli aspetti che più influiscono sulla diffusione dei discorsi di odio on line,  sui pericoli legati
La proliferazione dei discorsi d’odio sui social media costituisce un problema sociale, e in quanto tale presenta un numero significativo di sfide quando si